Procida Capitale Italiana della Cultura 2022: marketing turistico, cosa fare ora?

Procida Capitale Italiana della Cultura 2022: marketing turistico, cosa fare ora?

Procida Capitale Italiana della Cultura 2022. Un successo per l’isola campana forse atteso ma non per questo scontato. Probabilmente, mai come in questa occasione, tutta la Regione – intesa come cittadini, Istituzioni, amministrazioni di ogni colore – si sono battuti insieme per questo traguardo.

Ciò dimostra come l’unità di intenti, il viaggiare tutti nella stessa direzione con competenza porta sempre qualcosa di grandioso. Già, ma ora, però, viene il bello. O il difficile. A seconda dei casi. Come fare bene il marketing turistico con Procida Capitale Italiana della Cultura 2022?

Ecco alcuni suggerimenti.

Procida Capitale Italiana delle Cultura 2022 è un’opportunità non una speculazione

Ecco. Hai un b&b a Procida, una struttura ricettiva e già ti stai sfregando le mani. Perché sei già lì, su Booking, sul tuo sito, sulle varie OTA per alzare il prezzo. Senza offrire nessun servizio in più. Ebbene, nulla di più sbagliato.

Vuoi approfittare di questa opportunità? Rimordenizza la tua struttura, offri un qualcosa in più di unico. Non alzare i prezzi indistintamente perché ciò potrebbe rivelarsi un boomerang. Per tre motivi.

Il primo è che le persone ricordano bene quanto pagano. Notano subito l’innalzarsi del prezzo e, diciamolo chiaramente, non è che ci fai una bella figura. Il secondo è che fai fare una brutta figura all’isola che ti ospita. Che ti permette di portare il pane a casa.

E, infine, cosa dirai a chi ti chiederà “come mai i prezzi sono aumentati? Vuoi continuare a trattare il cliente come fosse un bancomat? Sei liberissimo di farlo. Ma scelta più sbagliata non potevi fare.

Preparati per tempo. ORA!

Chi ha tempo non perda tempo, dice un vecchio detto. Procida è stata nominata Capitale Italiana della Cultura 2022 il 18 gennaio 2021. Hai un anno di tempo. Ti assicuriamo: 365 giorni non sono un’enormità. Devi muoverti ADESSO.

Ecco alcune cose che potresti fare:

    • Restyling del tuo sito web. Ce l’hai il sito web, vero? Ammettilo: ce l’hai là dimenticato, e non sai neppure se hai rinnovato il dominio. Ecco, riprendilo in mano e AFFIDATI a professionisti!
    • I social. Basta fare da sé. Questo è un treno che non passa più e tu hai l’OBBLIGO di prenderlo e correre. Altrimenti, non ti perdonerai mai di aver perso un’occasione del genere. Quindi, basta far fare al ‘cugggino’ e rivolgiti a un professionista.
    • Revenue. Qui torniamo al discorso di prima. Aspetta ad alzare i prezzi in maniera automatica. Il revenue è una cosa seria e devi farlo fare a degli esperti.

Insomma, riassumendo. È giunto il momento di fare le cose per bene. Tu fai il proprietario della struttura e l’imprenditore, altri si occuperanno della tua comunicazione.

Rassegnati, dovrai investire

Sì, lo sappiamo. Il portafogli langue, il 2020 non è stato certamente un anno positivo. Ci rendiamo conto. Ma è inevitabile. Se vuoi provare a sfruttare appieno questa opportunità devi investire. Metterci dei soldi.

Non soltanto perché dovrai (FINALMENTE!) affidarti a dei professionisti (del resto, chiameresti mai un pittore per un guasto ai rubinetti? Ecco, così è la comunicazione), ma anche perché dovrai differenziarti. Essere l’1%. Distinguerti.

Perché, ti assicuriamo fin d’ora, la concorrenza sarà spietata. E non lascerà tregue. Con ogni probabilità (e con la speranza che il Covid-19 sia soltanto un ricordo), Procida sarà letteralmente invasa da turisti.

Quando ti ricapita più?

Avere una visione a lungo termine

Sei arrivato fin qui? Benissimo, allora chiudiamo con una cosa che dovrebbe essere scontata ma che, forse, non sembra esserlo più di tanto. Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 non ‘muore’, appunto, nel 2022. Ma, anzi, dovrà lasciare un lascito negli anni a venire.

Dovrà essere l’inizio di un cammino che porterà l’isola ad avere il successo che merita. E che c’entra con te e la tua struttura? Molto semplice. Anche tu dovrai avere una visione a lungo termine. Adesso è normale: sei quasi costretto a offrire di più, a fare quei lavori che avevi sempre rimandato perché “bene o male, le camere le vendo lo stesso“.

Questo ragionamento non ha più senso. E, anzi, questa sarà l’occasione giusta per cambiare finalmente quella mentalità del “si è sempre fatto così“. Una mentalità che, lo ribadiamo, è assolutamente deleteria.

Che ti piaccia o no, che lo voglia o noi, dovrai adattarti continuamente. Altrimenti…son dolori!

Non sai come fare? Nessun problema: Puoi richiederci una consulenza gratuita scrivendoci direttamente su WhatsApp!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *